Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
ArcheoAmbiente-News 04 marzo 2010 - Archeologia / Scoperta "corona" di pidocchi sulla testa del re Ferrante II d'Aragona.........

Resti dei piccoli e fastidiosi insetti sono stati ritrovati nella mummia del re di Napoli Ferrante II d'Aragona (1467-1496), detto Ferrandino, figlio primogenito di Alfonso II e Ippolita Maria Sforza.

Lo rivela un articolo del professore Gino Fornaciari, docente di paleopatologia all'Università di Pisa, pubblicato sul nuovo fascicolo della rivista ''Archeologia Viva'' riferendo dei risultati delle recenti indagini scientifiche condotte nella basilica di San Domenico Maggiore a Napoli che custodisce 38 sarcofagi lignei contenenti i corpi di 10 principi aragonesi e di altri nobili napoletani deceduti nel XV e XVI secolo.

La presenza dei pidocchi, scrive Fornaciari, ''attesta come nell'Italia del Rinascimento il 'popolare' parassita non disdegnasse l'ospitalità di personaggi al vertice della scala sociale''.

Dalla mummia di Ferrante II (salito al trono nel 1495 a 28 anni e morto di malaria pochi mesi dopo, il 7 ottobre 1496) è stato possibile prelevare alcuni capelli e peli pubici.

Al microscopio l'esame dei capelli ha rivelato la presenza della parte terminale di una zampa e della parte inferiore di due addomi di pidocchi adulti del capo. Inoltre sono state trovate sette lendini (uova) incomplete, attaccate a capelli, e altri cinque frammenti di lendini.

Lo stesso esame condotto sui peli pubici ha rivelato due frammenti di lendini. Così è stato possibile dedurre che il re Ferrante II era affetto da un'infestazione di due tipi diversi di pidocchi, il ''Pediculus capitis'', pidocchio del capo, e il ''Pthirus pubis'', pidocchio del pube.
indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a ArcheoAmbiente-News:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge