Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
ArcheoAmbiente-News 02 febbraio 2013 - Il calore delle città influenza le stagioni: le temperature cambiano a migliaia di km……

Uno studio curato dall'Università della Florida spiega come in alcune regioni si registrino valori diversi rispetto a quelli previsti dai modelli climatici. L'utilizzo umano libera energie diverse da quelle naturalmente distribuite in atmosfera, rimaste bloccate per milioni di anni.


IL CALORE generato dalle città influenza le temperature nel raggio di migliaia di chilometri perchè altera la circolazione atmosferica. Se nel Nord America e Asia settentrionale questo calore fa aumentare di un grado le temperature invernali in Europa le fa scendere di un grado, soprattutto in autunno. E' quanto dimostra sulla rivista Nature Climate Change uno studio coordinato da Ming Cai della Florida State University a Tallahassee.

I ricercatori hanno analizzato le attività umane che rilasciano calore, dal riscaldamento degli edifici ai veicoli, e usando un modello dell'atmosfera hanno osservato le influenze di questo calore extra sul clima. L'effetto netto sulle temperature medie globali di questo calore extra, sottolineano gli esperti, è quasi trascurabile, provoca un aumento di soli 0,01 gradi. Ma è notevole a livello regionale e può spiegare perchè, sottolinea la ricerca, alcune regioni stanno sperimentando inverni più caldi rispetto a quanto previsto dai modelli climatici. In particolare il calore generato ogni giorno nelle aree metropolitane provoca in Nord America e Asia settentrionale un aumento delle temperature invernali di un grado mentre in alcune aree d'Europa causa una diminuzione delle temperature di circa un grado, soprattutto in autunno.

Questo rilascio di calore extra, sottolineano gli esperti, è diverso dall'energia che è naturalmente distribuita in atmosfera. La più grande fonte di calore, l'energia solare, riscalda la superficie terrestre e la circolazione atmosferica ridistribuisce questa energia da una regione all'altra. Il consumo di energia umana mette in circolazione, invece, l'energia che era rimasto bloccata per milioni di anni, per lo più sotto forma di petrolio o carbone.

Fonte: la Repubblica
indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a ArcheoAmbiente-News:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge