Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)

Principe ALBERICO Cybo Malaspina

Il Principe ALBERICO Cybo Malaspina, nasce a Genova il 28-II-1534 da Ricciarda Malaspina (figlia di Alberico marchese di Fosdinovo) e dal nobile genovese Lorenzo Cybo (figlio di Franceschetto Cybo e Maddalena de’ Medici).
Investito dei feudi materni dall’Imperatore il 17-II-1554 è elevato al rango di Principe dell’Impero nel feudo di Massa e di Marchese dell’Impero in quello di Carrara, Principe del Sacro Romano Impero dall’Imperatore Massimiliano I il 23-VIII-1568; Conte di Ferentillo, Conte Palatino del Laterano, acquista la Contea di Ajello con Lago, Laghitello, Serra e Terrati ?-IX-1566 e ne è investito col titolo di Marchese il 12-XII-1569; Barone di Paduli dal 27-V-1607 al 5-XI-1609; Signore Sovrano di Moneta ed Avenza; Signore di Vetralla che permuta con Monteleone il 12-VI-1562 (concessione del feudo revocata nell’aprile 1565); Barone Romano; Patrizio Romano e Patrizio Genovese; Patrizio di Pisa e Firenze; Patrizio Napoletano; Nobile di Viterbo; Luogotenente Pontificio Generale di Perugia ?-IV-1554; Governatore Militare di Roma nel maggio 1555; Colonnello delle Armate di S.M. Cattolica 15-VII-1558; ottenne dall’Imperatore il titolo di Illustrissimo il 17-VI-1590 con la facoltà di inquartare le proprie Armi con l’Aquila Imperiale, di creare Conti, armare Cavalieri e legittimare bastardi, nominato Primo (cugino) dal Re di Spagna nel 1619.
Fu molto stimato per il suo talento creativo ed innovatore e per le eccellenti capacità politiche.
Morì a Massa il 18-I-1623 e fu sepolto nella Cappella Ducale del Duomo di San Francesco in Massa.
Lasciò il trono al nipote Carlo I, amante delle scienze e della letteratura che governò fino al 1662, dopodiché il principato passò al figlio Alberico II e quindi, nel 1690, a Carlo II.

Indietro

ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge