Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
ArcheoAmbiente-News 13 marzo 2010 - Spoleto tra i luoghi del Patrimonio Mondiale UNESCO..........


Prosegue l'iter per l'inserimento di Spoleto e Campello sul Clitunno tra i luoghi del Patrimonio mondiale dell'UNESCO.
E' arrivata ieri la nota del Direttore dell'UNESCO World Heritage Centre, Francesco Bandarin, in cui viene data conferma della completezza del materiale relativo alla candidatura "I Longobardi in Italia. I luoghi del Potere (568-774 d.C.)", trasmesso a Parigi il 18 gennaio 2010 (oltre 1500 pagine tra Dossier e Piano di Gestione) e della sua rispondenza alle caratteristiche tecniche, come richiesto espressamente dalle "Linee Guida operative per l'Iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale".
La nota continua precisando che la documentazione è stata inviata all'ICOMOS - l'International Council on Monuments and Sites -, l'ente ispettivo dell'UNESCO, per la valutazione definitiva della candidatura.
Entro giugno un ispettore dell'ICOMOS prenderà contatti direttamente con i Sindaci dei luoghi della rete al fine di concordare un'eventuale ulteriore ispezione sui luoghi.
"I Longobardi in Italia. I luoghi del Potere (568-774 d.C.)" è una candidatura seriale che il governo nazionale ha inteso confermare nel gennaio 2010 quale unica candidatura italiana, ritenendo la stessa di massimo valore storico-artistico, in quanto espressione della funzione decisiva svolta dalla cultura longobarda nell'opera di saldatura tra la civiltà classica e quella medievale.
Una funzione e un valore chiaramente riconosciuti nel 2009 dallo stesso ICOMOS che, nella sua prima valutazione, ha fornito ai proponenti alcuni suggerimenti migliorativi per la massima efficacia della proposta: potenziamento dell'apparato storiografico europeo, della comparazione tra i beni longobardi e quelli di altre civiltà altomedievali e ampliamento di alcune aree di tutela. Tali suggerimenti sono stati accolti e inclusi nel nuovo dossier.
L'esito finale della valutazione della candidatura avverrà nel 2011.
indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a ArcheoAmbiente-News:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge