Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
ArcheoAmbiente-News 18 ottobre 2010 - Gli scienziati Usa: la fase dell'innamoramento utile per alleviare il dolore.....

"L'amore è come una droga, potente come un antidolorifico"

Lo descriveva bene il Virgilio delle Bucoliche: “omnia vincit amor”, l'amore vince su ogni cosa e chiunque, prima o poi, cede ad esso.
Alla visione latina dell'amore come forza propulsiva che sottende alle cose, si aggiunge oggi lo studio dei ricercatori americani della Stanford University, secondo cui il sentimento permette di superare persino il dolore fisico. Intensi e appassionati afflati amorosi infatti regalano un sorprendente effetto antidolorifico, paragonabile a quello dei farmaci ad hoc, ma anche a quello di sostanze stupefacenti come la cocaina. Da usarsi però esclusivamente nel pieno turbinio dell’innamoramento.

«Quando le persone sono in questa fase di amore appassionato, che tutto brucia, sperimentano significative alterazioni dell’umore che influenzano la loro esperienza del dolore», spiega con parole ispirate Sean Mackey, docente di anestesia e autore anziano dello studio pubblicato su Plos One.
«Stiamo iniziando a studiare alcuni di questi sistemi della ricompensa attivi nel nostro cervello che coinvolgono la dopamina, un neurotrasmettitore primario, che influenza l'umore e la motivazione delle persone».

Nonostante i risultati ottenuti, gli scienziati non sono ancora in grado di dire ai malati di dolore cronico di tralasciare i farmaci analgesici per rimpiazzarli con appassionate relazioni amorose.
Piuttosto, la loro speranza è quella di comprendere meglio questo tipo di rete neurale e la catena di reazioni innescate dalla passione d'amore, per arrivare a mettere a punto nuovi antidolorifici, sempre più mirati.
Magari senza effetti collaterali.
«Le aree del cervello attivate da un amore intenso sono le stesse dei farmaci per ridurre il dolore - interviene Arthur Aron, psicologo della State University di New York che studia l’amore e i suoi effetti da oltre 30 anni ed è fra gli autori della ricerca - Quando pensiamo all’amato, c’è un’intensa attivazione nell’area della ricompensa, la stessa che si accende quando assumiamo cocaina, o vinciamo molti soldi».

L’idea di analizzare amore e dolore venne a Mackey ed Aron alcuni anni fa.
Entrambi erano intervenuti ad una conferenza, illustrando ognuno il proprio tema: così si sono resi conto che, al centro dei loro studi su amore e dolore c’erano gli stessi circuiti cerebrali.
«Ci siamo meravigliati», ricorda ora Mackey, che iniziò così a indagare insieme al collega sull’inatteso legame, decidendo di arruolare come cavie studenti «nella prima fase di un amore intenso».
Dopo aver riempito l’ateneo di poster, in poche ore i ricercatori hanno visto bussare alla porta del loro laboratorio una serie di coppie innamorate, che si frequentavano da nove mesi.
«Quando sei innamorato vuoi dirlo a tutti», nota con un sorriso Mackey.
«Ci siamo concentrati proprio su questa fase perchè - spiega - volevamo soggetti che si sentissero euforici, energici, ossessivamente concentrati sull’amato, in crisi d’astinenza quando questi era assente».

Risultato, «quando l’amore viene descritto così, ricorda una sorta di dipendenza», evidenziano gli scienziati.
Dopo aver esaminato 15 studenti pazzi d’amore, sottoposti a prove speciali e monitorati con risonanza magnetica e rilevatori termici, il team ha avuto la prova dell’effetto analgesico dell’amore.
Un effetto più potente rispetto a quello assicurato dalle distrazioni (utili a ridurre la sofferenza, ma a livelli molto più bassi).
«Nei test di distrazione, oltretutto, i circuiti cerebrali che portano ad alleviare il dolore sono principalmente quelli cognitivi, mentre l’analgesia indotta dall’amore è associata ai centri della ricompensa e coinvolge una struttura del cervello molto più profonda e primitiva», agendo in modo simile «agli oppioidi».
Uno dei punti chiave dell’analgesia da amore è il nucleus accumbens, un centro chiave anche nell’azione di oppioidi, cocaina e altre sostanze.
«Insomma, l’amore funziona come i farmaci anti-dolorifici - conclude Aron - e le persone innamorate provano un’intensa sensazione di ricompensa, senza effetti collaterali».

Fonte: La Stampa
indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a ArcheoAmbiente-News:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge