Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
ArcheoAmbiente-News 02 dicembre 2010 - Scienze della mente: ecco il software che legge nel pensiero...

La Intel, colosso dei microprocessori, ha presentato un software in grado di "leggere" con estrema accuratezza il pensiero di una persona tramite l'analisi della sua attività cerebrale.

Il sistema è stato mostrato per la prima volta al Tech Heaven di New York. La tecnica, ancora in una fase di sviluppo, promette scenari rivoluzionari - quanto inquietanti - in diversi settori.

Nell'assistenza alle persone affette da handicap fisici, l'invenzione potrebbe essere un grande passo in avanti. Gravi invalidità o menomazioni fisiche, sarebbero superate manovrando col pensiero sedie a rotelle, sintetizzatori vocali e altri strumenti di assistenza fisica.

Diversa la vicenda nell'informatica di consumo e in altri campi borderline, come nelle macchine della verità, dove la tecnica potrebbe essere devastante.

Il programma messo a punto da Intel finora è abbastanza elementare. Il software è collegato a un'apparecchiatura per la risonanza magnetica. Al soggetto viene chiesto di pensare a sostantivi suggeriti da un ricercatore. L'algoritmo associa a ogni parola le aree del cervello che si attivano quando esse vengono pensate. Successivamente, al soggetto viene chiesto di pensare a una delle parole precedentemente suggerite. Ebbene, durante i test, il sistema creato da Intel ha mostrato un'accuratezza superiore al 90 per cento.

I maggiori limiti di questa tecnologia sono legati all'ingombro e al costo delle apparecchiature per la risonanza magnetica. Ma secondo Dean Pomerleau, ricercatore dei laboratori Intel, in un futuro prossimo il dispositivo potrebbe essere miniaturizzate e entrare in un cappello, individuare parole riferite a concetti astratti.

 


Fonte: scienze.tv

indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a ArcheoAmbiente-News:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge