Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
ArcheoAmbiente-News 02 dicembre 2010 - Il riscaldamento mondiale ha distrutto le foreste pluviali 300 milioni di anni fa, potrebbe succedere ancora……

Il riscaldamento globale ha distrutto le foreste pluviali tropicali 300 milioni di anni, ma ha anche accelerato la crescita a dismisura dei rettili quali i dinosauri.

Questo un nuovo studio pubblicato da alcuni ricercatori britannici.

Costoro ritengono che la distruzione delle foreste pluviali ha dato il via una raffica evolutiva tra i rettili e inavvertitamente aperto la strada per l'ascesa dei dinosauri 100.000 mila anni dopo.

Gli scienziati della Royal Holloway, Università di Londra, e l'Università di Bristol hanno avvertito che la scoperta è un messaggio raggelante, che l'umanità potrebbe essere cancellata dalla faccia della terra se alla foresta amazzonica di oggi fosse consentita di sparire.

L'evento è accaduto durante il periodo Carbonifero, quando l'Europa e il Nord America giaceva sull'equatore ed erano coperte dal vapore
delle foreste equatoriali.L'umidità tropicale, quando il clima divenne più caldo e secco, è crollata, provocando l'evoluzione dei rettili.

Dr Howard Falcon-Lang, del Dipartimento di Scienze della Terra al Royal Holloway, ha dichiarato: "Il cambiamento climatico ha causato la frammentazione prima e la scomparsa dopo delle foreste pluviali . Le popolazioni isolate di rettili e di ogni comunità si è evoluta in direzioni diverse, portando ad un aumento nella diversità."

Il professor Mike Benton, della Bristol University, ha dichiarato: "Questa è una classica risposta ecologica alla frammentazione degli habitat. Lo stesso processo avviene oggi ogni volta che un gruppo di animali si isola dalla sua popolazione/genitore. Gli studi sinora sono stati effettuati su isole spartitraffico tra i sistemi principali o, come Charles Darwin notoriamente aveva osservato nelle Galapagos, sulle isole oceaniche."

Sarda Sahney, anche di Bristol University, ha detto: "E 'affascinante che, anche a fronte di un devastante collasso sull'ecosistema, gli animali possono continuare a diversificarsi attraverso la creazione di popolazioni endemiche".Tuttavia, ha aggiunto: "La vita non può essere così fortunata di nuovo in futuro, nel caso del collasso OGGI della foresta pluviale amazzonica".

Per raggiungere le loro conclusioni, gli scienziati hanno studiato i reperti fossili di rettili, prima e dopo il collasso della foresta pluviale. Essi hanno dimostrato che i rettili son diventati più diversi e persino han cambiato la loro dieta, come han dovuto lottare per adattarsi al rapido cambiamento del clima e dell'ambiente.

Le nuove scoperte sono state pubblicate sulla rivista Geology.

Fonte: http://www.ablogabouthistory.com

indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a ArcheoAmbiente-News:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge