Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
Monteleone di Spoleto
Chiesa Madonna Addolorata
   (frazione Ruscio)

Chiesa Madonna Addolorata

di Patrizia Penazzi

Intorno alla metà del 1700 don Biagio Peroni (cappellano) costruì la chiesa di “Santa Maria dei sette dolori”.
Nel 1794 alla sua morte fu seppellito nella stessa chiesa.
Il 25 aprile del 1866, i fratelli don Biagio e Gregorio istituirono l'Opera Pia Addolorata di Ruscio, dando i loro beni alla nuova chiesa in modo che ogni anno si soddisfacessero i seguenti legati: "Primo tra questi e' il mantenimento di un sacerdote cappellano colla ingiunzione della S. Messa quotidiana colla elemosina di lire 0,79 per ogni Messa e di due Settenari precedenti le due annue festività dell'Addolorata; ... i medesimi disposero che dall'assieme delle rendite si prelevasse la somma (120 lire) da impiegarsi per il mantenimento delle fabbriche della chiesa e casa annessa, per provvedere agli arredi sacri, di cera e di tutt'altro occorrente al culto ... ordinarono... (che) con gli annui sopravanzi delle rendite ... si dovesse mantenere un alunno povero del Comune di Monte Leone nel seminario vescovile della Diocesi, pagandone annualmente la "dozzena" [retta], e in mancanza di detto alunno, assegnare annualmente a una povera ed onesta zitella dello stesso comune una dote di lire 150...)”.
Col tempo questa chiesa ha sostituito la funzionalità di quella di S. Antonio, specialmente dopo la partenza dei francescani. Nel 1930 viene fondata la confraternita di Maria SS. Addolorata.
Ha il tetto in capriata e prima dei restauri del 1949, erano coperte all'interno dalla classica "camorgata" fatta con canne, a sostenere l'intonaco a volta affrescato con una scena della fuga in Egitto. Il 18 settembre 1949 la chiesa, per desiderio degli abitanti e l'interessamento di don Sestilio, fu proclamata parrocchia di Ruscio, Trivio e Rescia. Prima della proclamazione, il pittore Emilio Mattani, dipingeva, a finto marmo con dorature di capitelli, putti, festoni, ecc., i tre altari e tutto l'interno della chiesa. Di tale fastosa decorazione rimangono i due altari laterali e le pareti della navata .
L'anno successivo, il 17 settembre 1950, con le offerte dei fedeli di Roma, Ruscio ed America, veniva inaugurato il campanile con l'orologio e la campana maggiore detta Antonina.
Nel corso del 2001, grazie al lascito di Maria Marcheggiani, fu restaurato l'orologio del campanile.
La chiesa conserva alcune tele di scarso valore artistico.

indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a Monteleone di Spoleto:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge