Benvenuto su ArcheoAmbiente
      Login/Crea Account
FAQ Scrivi all'Associazione Archivio Cerca nel sito          
Men¨
Home
Chi siamo
Dove siamo
News
AttivitÓ
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Pubblicazioni
Ricerche sul territorio
Reportage fotografico
Links
Contatti
Statistiche
CittÓ
Storia
Monumenti
Chiese
Feste e Ricorrenze
Immagini
Folklore
Biga
Museo della Biga
Farro
Ferro
Meteo giornaliero
Live Webcam
Elenco telefonico
Il Narrare e lo Spigolare di Patrizia Penazzi
Rievocazione Storica e Palio dello Doppiero
Operazione recupero Biga
Carlo Innocenzi (compositore)
ArcheoAmbiente-News 16 gennaio 2011 - Raro evento astronomico in una moneta greca di 2100 anni fa?.....

Un'insolita moneta greca, coniata intorno al 120 a.C., potrebbe avere indicato un evento astronomico di quel tempo, quando la gente nella Siria antica vide la Luna che copriva Giove.

Da un lato c'è un ritratto di Antioco VIII, il re che la fece coniare. Sul retro c'è una raffigurazione di Zeus, nudo o metà-drappeggiato, con uno scettro nella mano sinistra. Sulla testa del Dio c'è la mezzaluna e sul braccio destro una stella (che può essere in realtà Giove) appena sopra il suo palmo.

"Nessuno ha mai riutilizzato nuovamente questa iconografia "questa rappresentazione è unica al mondo" ha detto il professor Robert Weir, dell'Università di Windsor, in Canada, che ha presentato la sua ricerca recentemente presso la riunione annuale dell'Archaeological Institute of America.

Antioco VIII fu sovrano di un Regno creato da uno degli ufficiali di Alessandro Magno, dopo che il grande conquistatore morì nel 323 A.C.: l'Impero seleucide. Al tempo di Antioco questo reame era incentrato sulla città di Antiochia, nell'attuale Turchia sudorientale.

L'impero era stato in declino per qualche tempo: i Parti sottraevano territorio in Oriente, i Romani in Occidente e gli Asmonei, una dinastia di re ebraici, arrivavano al potere nel sud.

L'ascesa dell'Antioco al trono fu brutale, per usare un eufemismo. Sua madre si chiamava Thea Cleopatra, e diede inizio alla regola di dover condividere il trono con lei. "Era una donna molto oppressiva, autoritaria, per quanto possiamo saperne" ha detto il Professor Weir. "Lei aveva appena ucciso suo fratello senza nessun valido motivo".

Forse temendo per la propria vita, Antioco VIII l'aveva messa a morte nel 121 a.C., il che l'aveva reso l'unico padrone di ciò che rimaneva del Regno Seleucide.

Perché l'iconografia cosmica?

Weir è un professore di materie classiche con un interesse per l'astronomia e le antiche monete. Era curioso sul perché Antioco VIII avesse coniato una moneta con un disegno così insolito "ci poteva essere qualcosa a che vedere col cielo notturno?

"Ho fatto alcuni calcoli per vedere che cosa fosse visibile da Antiochia, la capitale dell'Impero seleucide, avvicinandomi con alcuni modelli interessanti". Weir ha trovato che il 17 gennaio deo 121 a.C. i residenti della città avrebbero visto un'eclisse con la luna che copriva Giove, evento che gli astronomi moderni chiamano "un'occultazione".

"Giove, quando era eclissato dalla Luna, era nella costellazione del Cancro, che è una costellazione molto significativa, " ha detto. "Questo significa che ci poteva essere la venuta o la nascita di un grande re "in Siria, perché il Cancro governa quella parte del mondo, come gli astrologi antichi credevano".

Questo non era tutto quello che stava succedendo nel cielo notturno.
"Ho notato che c'erano altre occultazioni favorevoli, che stavano accadendo allo stesso tempo. C'era un'altra occultazione di Giove entro l'anno e appena una settimana dopo la prima vi era un'occultazione di Venere, che è anche un ottimo auspicio" ha detto.

Antioco VIII, re di un Impero un contrazione accanto a sua madre omicida, può aver ritenuto che i cieli fossero infine con lui. "È stato significativo in un buon modo "un'occultazione di Giove ha a che fare con presagi per il re".

Weir ha sottolineato che gli astrologi erano figure potenti nel mondo antico e la disciplina che essi praticavano era influente. "Queste persone erano ovunque e sappiamo che essi influenzavano gli imperatori a Roma, per esempio, " ha detto.

"Penso che sia giusto dire che probabilmente avevano un piede nella porta nella Corte dei Seleucidi."
I cieli si rivoltano contro di lui

Purtroppo per Antioco VIII, negli anni che seguirono, il suo impero avrebbe dovuto sopportare il conflitto con uno dei suoi fratelli, Antioco IX, che contestava il suo diritto al trono. Alla fine i due si misero d'accordo per dividere ciò che era rimasto del Regno Seleucide.

Nel frattempo la buona fortuna cosmica del re era giunta alla fine. Weir ha detto che "pochi anni dopo che aveva ucciso sua mamma c'erano (tutti) tipi di eclissi davvero sfortunate, di Marte e Saturno".

Peggio ancora, poco prima che la moneta smettesse di essere coniate, intorno al 114 a.C., "qualcosa è accaduto nei cieli che succede solo una volta ogni 2000 anni o giù di lì, " ha detto.
"La luna eclissò Marte e Saturno al tempo stesso". Un evento "che corrisponde al presagio peggiore che sia possibile ottenere."

I cieli, sembrava, si erano rivolti contro il re.

Fonte: www.unreportedheritagenews.com
indietro...

Pagine di utilitÓ
 

Articolo più letto relativo a ArcheoAmbiente-News:


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


ę 2003 - 2018 Progetto e grafica Patrizia Penazzi - Testi e contenuti a cura di Patrizia Penazzi

Informazioni Legali
I testi e gli elementi grafici pubblicati nel sito non possono essere replicati: su altri siti Web, mailing list, newsletter, riviste cartacee, cdrom, senza la preventiva autorizzazione indipendentemente dalle finalitÓ di lucro. L'autorizzazione va chiesta per iscritto alla gestione del sito e potrÓ essere ritenuta concessa soltanto dopo preciso assenso scritto.
I trasgressori saranno perseguiti nei termini di legge